Giornata mondiale della salute 2021

07/04/2021 Tipo di risorsa: Temi: Titoli:

Oggi, 7 aprile, si celebra la Giornata mondiale della salute 2021, dedicata quest’anno al tema Costruire un mondo più equo e più sano. La ricorrenza acquista un significato ancora più rilevante in un momento come quello attuale, che vede tutti i paesi, a livello globale, impegnati a fronteggiare il secondo anno della pandemia di Covid-19. Un’emergenza sanitaria che costringe a riflettere con nuove modalità su un argomento fondamentale, la salute, che rappresenta un bene primario e un diritto da preservare e tutelare fin dalla nascita.

Proprio riguardo alle nuove generazioni è necessario ribadire con forza la centralità del tema, declinato in tutti i suoi aspetti: salute fisica e mentale, benessere, qualità della vita, ecc. Come ricorda un documento molto importante per la tutela di tutti i bambini e i ragazzi, la Convenzione Onu sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza del 1989, che all’articolo 24, comma 1, sancisce «il diritto del minore di godere del miglior stato di salute possibile e di beneficiare di servizi medici e di riabilitazione». Lo stesso articolo prevede che gli Stati parti si sforzino di garantire l’attuazione integrale di questo diritto e adottino ogni provvedimento adeguato in diversi ambiti, fra i quali la riduzione della mortalità tra i bambini lattanti e i fanciulli, l’assistenza medica e le cure sanitarie necessarie da assicurare a tutti i minorenni, la lotta contro la malattia e la malnutrizione.

In occasione della Giornata proponiamo una serie di siti web di istituzioni e altre realtà, alcuni e-book e altri materiali, utili per approfondire il tema salute e bambini/adolescenti.

Da segnalare, nel panorama dei siti istituzionali: la sezione Salute dei bambini del sito del Ministero della salute; la sezione Salute della donna, del bambino e dell’adolescente dell’Istituto Superiore di Sanità; Epicentro (https://www.epicentro.iss.it/), sito di epidemiologia dell’Istituto Superiore di Sanità rivolto agli operatori del servizio sanitario nazionale, che contiene molte informazioni sul tema salute, bambini e adolescenti. Notizie e documenti sull’argomento si trovano anche nei siti web della Società Italiana di Pediatria, dell’Associazione Culturale Pediatri e del Centro per la Salute del Bambino.

Un approfondimento sul tema con un focus su come affrontare le conseguenze della pandemia è disponibile sul sito di Save the Children. Il testo, intitolato Coronavirus: 5 articoli utili per affrontare insieme questo periodo, raccoglie 5 articoli che offrono consigli di convivenza per genitori e figli in quarantena, consigli per genitori e adulti di riferimento su benessere psicologico e Covid-19 e altri suggerimenti.

Da leggere anche l’articolo di Giorgio Tamburlini Covid-19 e i bambini. Un disastro, pubblicato sul sito del progetto SaluteInternazionale. Il testo invita a riflettere sull’impatto della pandemia sulle principali dimensioni della condizione dell’infanzia e dell’adolescenza.

Per quanto riguarda le pubblicazioni, si segnala l’e-book di Telefono Azzurro La Salute Mentale dei Bambini e degli Adolescenti in Tempi di Coronavirus (2020). Si tratta di un monitoraggio, realizzato attraverso interviste online, che indaga gli effetti delle misure di contenimento adottate in Italia per contrastare la diffusione del Coronavirus sulla salute mentale e sul benessere dei più giovani.

Altri due e-book interessanti sono Spotlight on adolescent health and well-being, di World Health Organization, Regional Office for Europe (2020) e il report Protect a generation: the impact of Covid-19 on children’s lives, di Save the Children (2020). Il primo presenta i risultati di un’indagine che fornisce informazioni sulla salute, il benessere, gli stili di comportamento a rischio e quelli rilevanti per la salute di oltre 220.000 giovani in 45 paesi e regioni in Europa e Canada, mentre il secondo analizza l’impatto che le misure di contenimento della diffusione del Coronavirus hanno avuto sull’educazione, il benessere e la qualità della vita dei bambini nel mondo.

Fra gli e-book da segnalare ci sono anche Sfere di Influenza: un’analisi dei fattori che condizionano il benessere dei bambini nei paesi ricchi, di Unicef Office of Research – Innocenti (2020), e Impatto psicologico e comportamentale sui bambini delle famiglie in Italia, indagine realizzata dall’Istituto Giannina Gaslini di Genova (2020).

Per approfondire l’argomento con uno sguardo sul punto di vista dei più giovani si suggerisce la lettura di The future we want: manifesto degli adolescenti per il futuro post-Covid in Italia, di Unicef, Comitato italiano (2020). Il testo raccoglie i risultati di un sondaggio online lanciato dall’Unicef in collaborazione con diversi partner nazionali e locali per invitare i ragazzi a raccontare l’impatto della pandemia sul loro benessere e su quello dei coetanei e, a partire da queste riflessioni, suggerire proposte concrete per un futuro migliore.

Altri e-book sul tema sono disponibili nella ricerca bibliografica curata dalla Biblioteca Innocenti Library A.C. Moro.

Da segnalare la XV edizione del Premio Buone Pratiche Sicurezza e Salute a scuola “Vito Scafidi”, organizzato dalla rete Scuola di Cittadinanzattiva. Il concorso invita le scuole di ogni ordine e grado a presentare progetti realizzati su tre grandi ambiti tematici: sicurezza a scuola e sul territorio; educazione al benessere; educazione alla cittadinanza attiva. L’obiettivo dell’iniziativa è infatti quello di raccogliere, premiare e diffondere le attività progettuali e le esperienze più significative realizzate nelle e dalle scuole italiane di ogni ordine e grado su questi tre ambiti, riadattati o riproposti anche alla luce dell’emergenza Coronavirus. I progetti dovranno essere inviati esclusivamente per posta elettronica entro e non oltre il 16 aprile 2021. Il bando e le informazioni per partecipare sono disponibili sul sito di Cittadinanzattiva, nella pagina dedicata.

Altre iniziative che meritano attenzione sono quelle realizzate dala Fondazione Operation Smile Italia Onlus, realtà nata in Italia nel 2000 che può contare su una vasta rete di medici, infermieri e operatori sanitari che curano e assistono, nel nostro Paese e in tutto il mondo, bambini e adulti nati con malformazioni cranio-maxillo-facciali come la labiopalatoschisi. La Fondazione è attiva in Italia con il Progetto "Smile House", che integra il Sistema Sanitario Nazionale con cure e assistenza, dalla diagnosi prenatale fino al completamento del percorso di cura del paziente, favorendone l’inserimento sociale. Le informazioni sulle attività della Fondazione sono disponibili sul sito dedicato.