Tra sogni e realtà

28/06/2010 Tipo di risorsa Segnalazioni bibliografiche Tema Adolescenza

a cura di Elena Besozzi
 

Le scelte e il progetto di vita dei giovani adolescenti tra i 14 e i 18 anni di vita dipendono sia dal soggetto sia dalle opportunità e i vincoli che i contesti nel quale l’adolescente si sviluppa pongono.
Il complesso sistema di relazioni che vive, nella scuola, nel tempo libero, nella famiglia, nei luoghi dove pratica lo sport e molte altre quotidiane esperienze

, le trasformazioni sociali in atto ormai da anni, trovano nella realtà giovanile un mutamento che ancora oggi forse sfugge agli studiosi nei suoi tratti fondamentali, così come per i suoi esiti. La transizione alla vita adulta mostra proprio questo articolato cambiamento del rapporto tra individuo e società e nei giovani di oggi il diventare adulto è rivendicato come un diritto e come una gestione personale delle scelte e delle decisioni da prendere. A questo corrisponde, però, una grande difficoltà in ordine allo svolgimento dei compiti di sviluppo, quali la costruzione dell’identità, lo sviluppo morale e la competenza comunicativa.

Dall’analisi dei dati di una ricerca nazionale sugli adolescenti che ha riguardato le realtà di Torino, Milano, Bergamo, Bari e Salerno, emergono tante forme di adolescenza quasi quanti sono gli stessi soggetti osservati, adolescenze dense di tensioni e contraddizioni, con dei nodi critici e aspetti problematici inediti rispetto al passato. Un primo elemento è lo scollamento che si ha tra capitale culturale originario, familiare e la fruizione di attività, esperienze, occasioni, partecipazione a circoli e opportunità di sviluppo culturale. Una ricchezza di opportunità vissute e partecipate, tale che sembra impossibile che possano essere poi incrementate in età adulta.

La scuola, la famiglia, il gruppo dei pari, le risorse del territorio sembrano come mondi separati e chiedono al singolo soggetto la capacità personale di reperire risorse da ognuno di questi mondi per elaborare un proprio progetto di vita e sostenersi nei processi di scelta.
La relazione instaurata in famiglia è quella che maggiormente incide, sia nel positivo sia nel negativo, sulla vita del giovane e da essa dipende molto il tipo di relazioni che l’adolescente instaura anche con gli altri contesti di vita. Il capitale sociale familiare mostra una corrispondenza forte con lo status della famiglia, apparendo predittivo rispetto alle chance di vita, anche se questo comincia a mostrare delle discontinuità che aprono campi di opportunità anche per adolescenti con famiglie fragili.
La separazione tra i diversi mondi, permette all’adolescente di reperire in altre realtà quelle forze che gli mancano, ovviando in tal modo allo svantaggio dato dal capitale sociale familiare di partenza.

Pur rimanendo la famiglia un cardine importante nella definizione del proprio futuro, non deve essere trascurato il ruolo della scuola e degli insegnanti per lo sviluppo degli orientamenti valoriali, delle proprie aspettative, del proprio modo di leggere il mondo. Oggi l’insegnante è per il ragazzo un adulto di riferimento importante, una persona su cui desidera poter contare, sia per le competenze che ha, sia per l’affidabilità che mostra, un nuovo modello di insegnante, un coach, che sa valorizzare i punti di forza del ragazzo e che è in grado di meritarsi la sua fiducia. Una persona su cui contare, per imparare a destreggiarsi in un mondo che sfugge continuamente, per le incertezze che offre e le realtà paradossali che mostra.

La società che accoglie lo sguardo degli adolescenti è molto difficile da decifrare e i giovani, in questo scenario, hanno smesso di sognare. Un aspetto che colpisce è proprio il grosso cambiamento rispetto alle generazioni precedenti, relativamente al grado di progettualità sociale, con un cambiamento forte nella visione del mondo, ora non più letto con quella spinta ideale data dal sogno di un futuro migliore, ma nella quale troviamo solo la visione di un futuro possibile, non di cambiare il mondo, ma solo di poter stare nel mondo.

 

Besozzi, E. (a cura di ), Tra sogni e realtà: gli adolescenti e la transizione alla vita adulta, Roma, Carocci, 2009