Rassegna bibliografica 3/2008 - Bambini e comunità residenziali

Il percorso di lettura di questo nuovo numero della Rassegna bibliografica focalizza l’attenzione sul dibattito contemporaneo relativo alle strutture residenziali per bambini mettendo in evidenza due differenti punti di vista: da una parte chi sostiene l’idea che l’assistenza residenziale va superata in toto e dall’altra coloro che sostengono la necessità di implementare i modelli di intervento residenziale che dimostrano di saper fornire buone prassi e risultati soddisfacenti. L’intervento di comunità, secondo gli autori, dovrebbe essere riconsiderato in un’ottica di rete con l’obiettivo di superare logiche meramente assistenziali/custodialistiche e garantire la tutela, la cura, la protezione e la riparazione dei molteplici danni relazionali/evolutivi prodotti da contesti familiari disfunzionali e in crisi. Per questo è necessario creare, come già avviene in molti paesi occidentali, reti sociali integrate e collaborative, capaci di sostenere i bambini, i ragazzi e le famiglie in difficoltà: l’educativa territoriale, il sostegno della genitorialità e l’integrazione multiculturale nei servizi sono alcuni degli interventi che, messi in “rete”, potrebbero determinare l’accrescere dei vantaggi sociali per i bambini e gli adolescenti in difficoltà. Il percorso filmografico, attraverso una presentazione di film dagli anni Quaranta ai giorni nostri, offre una riflessione sull’orfanotrofio caratterizzato spesso come luogo di isolamento sociale, istintivamente inquietante per una società basata sulla famiglia. Ma diverse sono anche le rappresentazioni di queste strutture come luoghi dove è possibile trovare accoglienza e comprensione e incontrare importanti figure di riferimento lontane da schemi “istituzionali” rigidi e uniformanti.

AllegatoDimensione
PDF icon Rassegna_biblio_3_2008.pdf3.65 MB